A volte ritornano – I – Preghierina del lavoratore

Donami la serenità di accettare le cose che non
posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose
che non posso accettare e la saggezza di occultare
i corpi di coloro che ho dovuto uccidere oggi
perchè mi hanno rotto le palle.
E inoltre, aiutami a stare attento ai piedi che
pesto oggi, perchè potrebbero essere collegati al
culo che potrei dover baciare domani. Aiutami
sempre a dare il 100% al lavoro: 12% al Lunedì,
23% al Martedì, 40% al Mercoledì, 20% al
Giovedì, 5% al Venerdì.
E aiutami a ricordare (quando ho proprio una
giornata di merda e sembra che tutti cerchino di
rompermi le palle) che ci vogliono 42 muscoli per
aggrottare il viso e solo 4 per stendere il mio dito
medio e mandarli a cagare!

Siate come la piccola supposta che
quando e' chiamata a compiere il suo dovere
lo fa fino in fondo e senza mai guardare in faccia nessuno.
Si mette subito in cammino cercando umilmente la propria strada.
E se qualcuno le si para davanti dicendole
con presunzione ed arroganza:
"Lei non sa chi sono io!" -
intimamente sa gia' che non puo' essere
altro che uno stronzo…

Come ormai è di pubblico dominio, ho terminato il mio rapporto di lavoro presso una ditta di informatica.
L'intenzione era di mettere una pietra sopra tutte quelle cose che mi hanno fatto girare i maroni finchè ero li. Come già detto ci sono state molte cose positive, ma le negative che ci sono state hanno sicuramente incrinato il rapporto. Probabilmente in modo irrimediabile.
Ma se volevano che io ci mettessi una pietra sopra potevano evitare di fare come al solito i prepotenti, e prendere decisioni d'ufficio su cose non di loro competenza, anche dopo la mia dipartita, quando replicare non si può più. Cioè i miei soldi!
Inizia dunque una breve serie in cui… parlerò.
Senza l'intenzione di 'sputtanare', ma di mettere solo nero su bianco alcuni episodi di cui ho tenuto all'oscuro anche gli ex colleghi (sia per non innescare bombe, sia perchè se a qualcuno piace prenderlo nel culo, deve essere libero di farlo)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>