Metà novembre

Piove sui monti e sulle scale
su petali e parole sul cuore mio che batte
Piove sui poveri soldati
sui campi abbandonati e sulla mia città.

Piove e mentre guardo il mare
ripenso alle parole che mi hai lasciato scritte
Provo un pò a dimenticare
infatti guardo il mare e non ci penso più

Agosto sembra ormai lontano
ma io sono vicino a dove ti incontravo
semplice vestita in modo semplice
sei diventata complice e non ti scordo più…

Piove, adesso come prima sto nella mia cucina
che mi preparo un pesce. Cuoce lentamente il sugo
e nel frattempo annego
e non ci penso più.

Agosto è ancora nei miei sensi
ma tu cosa ne pensi, mi vuoi ancora bene
indice di una vita semplice
sei diventata complice ma non ti fidi più.

Chissà dove sarai adesso, dov'è tutto quel sesso,
quel caldo, quel sudore…
Chissà se ancora pensi al mare, al caldo da morire
che non si sente più..
Chissà se agosto è ancora nostro, se ancora splende il sole
o poi magari piove..
Chissà se mai la frustrazione
diventa un'emozione così non piove più.

Piove, sui banchi della scuola
su ogni mia parola che non riesco a dire,
provo un pò a dimenticare
infatti guardo il mare e non ci penso più…

Alex Britti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>