Thank You… / It can't rain forever…

Se non aggiorno non è perchè non ho niente da dire, ma forse perchè ho talmente tante cose da dire, accavallate tra loro, che non saprei nemmeno da dove iniziare. Spesso nemmeno trovo le parole per dirle, e rimango tra me e me in un silenzio imbarazzante…
Di alcune cose non ho nemmeno voglia di parlare. E sarebbe anche ora, dato che l'argomento si è ripetuto per gli ultimi, credo, dieci post. E' un capitolo chiuso. Sto ritrovando lentamente la pace dei sensi, anche se le revolverate in faccia e alle spalle vedo non smettono; ma ormai c'ho la scorza dura… non perchè abbia sviluppato impotenza appresa, ma proprio perchè nemmeno le sento, ormai nemmeno ci faccio più caso. Guardo altrove.
Sono felice per un'amica. La vedo finalmente contenta, l'ho rivista dopo alcune settimane con un sorriso spontaneo sulle labbra, non più forzato o velato di delusione e dispiacere. Spero che finalmente abbia trovato una persona seria con cui condividere un tratto della sua vita (se si rivela anche lui un TdC gli spezzo le braccia), mi auguro rimarremo in contatto, anzi ne sono certo…
Porto sulle spalle la sofferenza di un'altra persona, e sono felice di aiutarla per quel poco che posso. Non sono uno psicologo, non sono un medico e nemmeno uno sciamano o uno stregone. Solo un uomo, un amico, spero possa bastare, dal canto mio è tutto ciò che ho…
Non posso lamentarmi di me, gli esami vanno (bene, 28 l'altro dì), ho conosciuto una persona nuova e vedremo se ci sarà un seguito, e nel complesso, tra alti e bassi, cammino. Sono contento anche che nonostante il crollo di morale di mercoledi-giovedi scorso sono riuscito a rimettermi in sesto nel weekend (e si che di solito nel weekend mi scazzo!)
Sono contento per un amico di vecchia data, che ultimamente, non so se per lontananza o altro, vedo molto cambiato, molto più aperto, molto più spontaneo… ora passare qualche ora con te è veramente più piacevole. Già ero in ottima sintonia con lui, ora non vi sono più quelle pause di silenzio in cui non si spiaccica parola. E' tutto molto più fluido…
E anche con eli s'è riallacciato un bel rapporto, mai eclissato in tutti questi anni, ma che ora finalmente, un pò per le distanze, un pò per aiuto reciproco, è diventato proprio quello che speravo: adulto. Siamo simili, pensiamo allo stesso modo, forse come ci capiamo noi non può capirci nessuno.

Sono tre settimane poi che penso spesso a Lei. Si, non eli, Lei. Quella che mi ha fatto riscoprire sentimenti che pensavo non avrei mai più provato. Che è riuscita a strapparmi fuori l'amore, a farmi piangere, a farmi crescere, e che mi ha insegnato più di quanto lei stessa pensi. Non riusciamo a vederci, presi dalla nostra vita e dalle nostre storie, ma se l'avessi qui le direi: grazie. Non credo di averglielo mai detto, specie con la serenità con cui vedo ora tutto il trascorso. Grazie… e un sorriso. Altro non serve…
Mi spiace per un'altra amica. Davvero, ho sperato che stavolta le cose andassero bene, sento che ci speri ancora e mi augurerei anche io che andasse cosi. Te lo meriteresti… come la doccia calda, nè? Spesso è fredda, lo sappiamo, ma per quel poco che posso un amico qui ce l'hai. Una cena jappo non fa di sicuro miracoli, ma è già un tentativo per farti sorridere. Non può piovere per sempre, come diceva un film di quasi vent'anni fa. E sto bene in questa casa con te, stiamo tutti bene…

Ok, basta miele. Lo confesso, sto ascoltando i Keane.
Prossimo rant pubblico l'esame "tema libero" fatto lunedi scorso!

One thought on “Thank You… / It can't rain forever…

  1. non commento nulla… i lacrimoni agli occhi in questo preciso momento dicono già tutto! grazie… non so cosa farei senza di te, di voi in questo periodo… mi permettete di respirare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>