mar 01

Cambiamenti

Si inizia.
Dopo un weekend potentissimo, arrivo in aula in coma. In ritardo. E puntualmente, invece, il prof è ammalato.
Senza alcun preavviso, naturalmente.
Questa è una costante. Io che sono in ritardo e in coma perchè ho esagerato sabato sera e alle 5 di domenica ero di nuovo in piedi per andare a far radio in montagna, il prof che manca.
Come sono delle certezze alcune delle persone che ho intorno, punti di riferimento, come anche io sono per qualcun altro.
Anche alcune condizioni, come i risvegli in piena notte con qualcuno che ti urla "baùsettete" facendoti schiantare contro il soffitto. Oppure "Aiuto! Aiuto! VergineMariaSalvaMiTu! CristoDellaCroceSalvamiTu!"

Tante altre cose invece sono soggette a modificazioni continue.
Fino a un certo punto hai la sensazione di star percorrendo una strada dritta, tipo quelle nordamericane, che porta a una determinata destinazione senza possibilità di bivi e nel quale l'unica alternativa sarebbe fermarsi o tornare indietro.
Poi ti si trasforma tutto davanti, e ti domandi: ma è davvero li che voglio andare? Ma mi ci vedo in un futuro simile?
L'unica cosa da capire è perchè. Perchè ora sono arrivato a questo dilemma. Inaspettato, ma che non posso evitare di affrontare.
Credo comunque che a dubbi del genere uno non ci arriva, se è davvero convinto. Probabilmente non rientravo tra questi.

Mi chiedo quanto influenti possano essere stati fatti contingenti, come l'incontrare una persona, e quanto invece dipenda strettamente da me.
Mi piace pensare di avere una forte influenza, e l'ultima parola, sulla mia interpretazione in questa commedia chiamata Vita, tenendo ovviamente da conto degli altri attori sulla scena.
Non sono superstizioso, mi sforzo di tenere a bada quella parte di me così irrazionale da credere in rituali, premonizioni, sacre scritture e compagnia bella. Ma ho la netta sensazione che stia per accadere qualcosa che mi cambierà, in un modo o nell'altro.
Non so cosa, ma la stessa sensazione mi trasmette l'idea che sia una cosa positiva. L'ho già provata in passato, ignorata, ma poi quel qualcosa è accaduto. Stavolta questa sensazione è decisamente più forte.

Ma questa impressione… è contingente, o è una espressione interna di un qualcosa…?