lug 24

Lying in wait

da dove comincio? dalle sensazioni ambivalenti provate negli ultimi giorni, o da un mese neanche fa?
So solo che l'ultimo mese è stato un oceano di emozioni, di sensazioni provate, di situazioni belle e spiacevoli, e che se il mio cuore ha retto a tutto in qualche modo, probabilmente reggerei anche a un pianoforte che mi cade diretto sulla testa.
Una sberla in faccia prima, la caduta a terra, sotto terra, il risalire la china con un'energia mai trovata prima, forse convincendomi anche che avevo visto decisamente male, il rivedere poi le mie posizioni di fronte a una chiaccherata di un pomeriggio. Le serate con gli amigos paduan, momenti bellissimi passati assieme, momenti spensierati e carichi di emozioni a Firenze, il vivere cinque giorni sentendomi da dio andando poi al mare, tornare e avere l'impressione che tutto si sia sistemato e che le cose stiano finalmente andando per il verso giusto, la delusione qualche sera dopo e l'ennesima mia sensazione che sia tutto sbagliato. Le chiacchere con un'amica sempre pronta ad ascoltarmi, consigliarmi, consolarmi, più giovane di me e contemporaneamente più matura, firmare un foglio che cambierà in qualche modo la mia vita, salutare chi parte e non rivedrò per un mese o più, il trovarsi a riaprire un cassetto che era stato chiuso a chiave e la chiave buttata sul fondo del pozzo senza fondo, trovare che nel tempo in cui il cassetto è rimasto chiuso ciò che vi era riposto è cambiato, passare due serate piacevolissime e trovarsi poi fermi, seduti fumando una marlboro e una lucky, a chiedersi: è troppo?
Forse si. E ho la sensazione di star giocando a Solo, e di avere in mano appena un paio di carte, e di ritrovarsi alla giocata successiva con tutti i giochi stravolti, senza avere nemmeno il tempo di dire "a".
Dove sono finito? Dove sono finiti quei momenti spensierati carichi di felicità, estemporanea certo, ma così spontanea?

Vivere ogni momento al massimo, cogliendo l'attimo. Millenni fa già si diceva carpe diem, e non era neanche un pirla qualunque a proclamare questa filosofia di vita.
Certo, io l'attimo lo colgo. Ma faccio anche a pugni con tutto il resto. Razionalità, emozioni, situazioni, istanti, pensieri, irrazionalità. Si fondono tutti assieme e contemporaneamente lottano strenuamente per prevalere l'uno sull'altro. E in ogni caso il torneo si svolge nella mia mente, e nel mio cuore.

E quella che doveva essere una semplice attesa melanconica di una nuova rivoluzione, diventa di colpo una rivoluzione essa stessa, una lotta dentro me che potrebbe cambiarmi ma anche no.

Se fino a qualche tempo fa pensavo che tra due persone ci debbano essere tante cose in comune perchè ci siano intesa e feeling, ora non ne sono più così sicuro. E se fossero le differenze tra noi a mantenerci in qualche modo ancora legati?

Non provo più quel sentimento, da molto ormai. Ma l'affetto resta, e con esso la paura, legati assieme dalla sensazione di non riuscire a capire cosa conti davvero per me in realtà.
Probabilmente lo scoprirò solo col tempo.

lug 20

Perception, reality, illusion and… shit

Domenica mattina, e ti ritrovi inevitabilmente a riflettere sulle ultime serate.
Le hai a confronto, non troppo lontane cosi che i ricordi non risultino troppo distorti, nè troppo vicine così che le emozioni siano ancora talmente forti da alterare il giudizio.
La conclusione è sempre la stessa. Speravo io che quel lunedì fosse l'alba di un nuovo periodo, epurato da merde e con la spensieratezza e l'allegria che cerco.
Ma o mi sono semplicemente illuso, e ne avevo il dubbio, oppure murphy mi ha sentito e ha decretato che devo ancora tener botta. Che due maroni.
O forse a mettere ancora più in evidenza il disagio che vivo sono le stesse alternative nelle quali mi trovo a mio agio.

Ci sono cose che proprio non sopporto. I giudizi assoluti da padreterno, le scorrettezze, le incoerenze.
Tutti possiamo sbagliare, ma qui si tratta di perseverare, e non riesco più a pensare che si tratti di ingenuità e che si faccia in buonafede.
Metto a paragone due situazioni, una nuova dove si può essere spontanei, sè stessi, ridere, scherzare, sparare cazzate una dietro l'altra, e il tutto viene preso come deve essere preso, cioè con una RISATA in compagnia, senza che nessuno ti giudichi. Giudizio che in un'altra situazione non manca mai, ANZI, ed è ovviamente negativo perchè stereotipato, frutto della mentalità più che provinciale del posto. Non puoi essere come sei, non DEVI essere come sei naturalmente, DEVI uniformarti, guai a essere spontanei, guai a ridere a una canzone, perchè non FA ridere. Come se dovessero essere gli altri a decidere per me. Come nell'aristocrazia di qualche secolo fa.
Manco morto. Sono io e fanculo. E se non vi va, fottetevi allegramente in gruppo.
Metto a paragone due situazioni, una in cui si ribadisce fino allo sfinimento quanto sia importante la correttezza, la sincerità, la coerenza, e in questi valori si crede e si portano avanti, con una costanza che finora non avevo ancora conosciuto. Valori che in un'altra situazione sono sì predicati, ma non razzolati, anzi alla prima occasione si dà bella mostra di completa incoerenza e di totale mancanza di rispetto. Perchè non si può continuare a lanciare occhiate furtive in certe situazioni, non si può dire di avere certi princìpi e comportarsi in modo diametralmente opposto, e poi pretendere di non passare per scorretti e incoerenti.

Una marea di bei ricordi. Tante persone che non esistono più ma mi piace pensare siano ancora come le vedo in quelle foto. Immagini scolpite a fuoco nella mente.
Probabilmente in certi momenti mi sono illuso, ho voluto illudermi perchè spesso sognare aiuta a vivere, e ho sperato che le persone attorno a me fossero come me.
Ora lo so, era solo un'allucinazione, la realtà è molto diversa e cambia a seconda di come la percepisco, del mio stato d'animo, di come la vivo. Meglio che io ripassi per casa in un momento in cui sono lanciato. Almeno mi resterebbe l'illusione di non aver vissuto per secoli nella vasca di fianco al fienile.

Non manca molto, il conto alla rovescia è già iniziato…

lug 16

Back to reality (4th time)

Sono tornato!
Un paio di giorni fa in realtà, ma sono stato preso da mille cose a casa e non ho avuto il tempo di aggiornare prima. Sorry, lo so che avrei dovuto!
Ho passato davvero dei bei giorni, e mi sento di ringraziare chi mi ha accompagnato in questo piccolo viaggio ;)
A Firenze son arrivato mercoledì, per il concerto di Ligabue… è stato spettacolare, ha suonato per due ore intere senza soste (se non per andare a denudarsi), niente fuori programma ma di sicuro uno dei migliori concerti a cui sia stato. E pelle d'oca a certe canzoni…

Poi visita a Firenze, serata con dei fiorentini pazzi scatenati e ripartenza per il mare, destinazione Senigallia!
E lì svacco. Mi ci volevano proprio dei giorni di vacanza… divertimento, relax, sonno, mare, SABBIA!, materassino e sfracellarsi sulle onde, birra, city pub, pesce per cena, insalatona per pranzo, la mia schiena lesionata, la signora che insisteva per rifare la camera all'ora di pranzo, l'anello tagliente, la notte bianca, il dj imbranato di radio arancia…
Troppe cose da ricordare, la mente non ce la fa, le ho digerite solo un giorno dopo essere rientrato. Viaggio di ritorno avventuroso tra l'altro, prima ho finito la benza appena fuori dall'autostrada e poi mi hanno (di nuovo) fermato i carabinieri per un controllo! Singolare, anche nell'andata mi avevano fermato!
Che altro dire… è stato triste svegliarsi il giorno dopo al mattino e rendersi conto che l'avventura era finita, che si era tornati alla vita di ogni giorno, con un mucchio di cose da fare al più presto non ancora iniziate e i casini di casa a farti compagnia.
Un amico ha un dito tagliato, infetto e grosso come una patata, mio padre s'è rotto il radio ieri in montagna, mia nonna l'ho trovata in giardino che vedeva gesù e non sapeva chi fossi io. Olè, si, sono tornato a casa!
E tra amici, le cose si sistemeranno? Bè, la prima serata qui l'ho passata bene, mi son sentito da dio, ero ancora lanciato dal mare si, ma mi son sentito bene in compagnia di persone con cui non mi sentivo bene da un pezzo. Bello, si. E' ancora presto per dire se qualcosa sia cambiato, ma spero di aver visto giusto…
Intanto l'estate sta continuando, qualcuno resta a lavorare, altri a studiare, qualcuno parte per un lungo viaggio, io cosa farò ancora non lo so dato che Murphy mi ha teso l'agguato, i programmi naufragano ed è meglio che non mi pronunci più.
Di sicuro dopo l'estate però partirò io, da qui, e cambierà tutto… curiosità mista a un pizzico di nostalgia, entusiasmo misto a una spolverata di timore, per quel che lascio e per quel che troverò